Porcelletto

Learn new Italian words from this short story

 

 Porcellotto

Porcellotto era un maialino veramente sporco. Passava i sui giorni a sguazzare nelle pozzanghere e a rotolarsi nel fango.

Tutti gli dicevanno:

Guarda come sei sporco, Porcellotto. Va’ a lavarti!

Hai il grugno tutto sbrodolato, vatti a fare una doccia.

Ma lui non si lavava mai. A lui andava bene sentirsi sporco e avere il grugno sbrodolato: solo così si sentiva felice.

Un giorno il fattore decise di ritinteggiare la casa di Porcellotto e acquistò per quello un grande bidone di pittura gialla. Proprio gialla come il sole.

Il maialino a questa notizia fu preso da grande gioia, tanto da mettersi a ballare. Ballò attorno alla sua casa, ballò attorno al fattore, ballò attorno al bidone della pittura.

E successe quello che tutti si aspettavano: nel bel mezzo della danza Porcellotto inciampò finendo dritto e filato dentro il bidone. Da rosa che era divenne giallo, ma così giallo da sembrare un grosso bottone d’oro.

Essere giallo non gli dispiaceva, anzi lo trovava un colore così bello che decise di rimanere per sempre nel bidone.

Non avrebbe più sguazzato nelle pozzanghere non si sarebbe più rotolato nel fango, ma in compenso nessuno lo avrebbe più accusato di essere sporco e di avere il grugno sbrodolato.

Porcellotto era  diventato il più lindo e giallo dei maialini.

Fine.


Did you enjoy the story?

How many words do you already know?

If you want to learn the new Italian words in this story:

1️⃣ Read the story,

2️⃣ Practice new words with TinyCards here ?

3️⃣ Read the story again to review what you have learned.

? Practice TinyCards every week to memorize them.

TinyCards:


error: